Perchè la caldaia non scalda i termosifoni?

Cosa fare quando la caldaia non scalda i termosifoni?

caldaia non scalda i termosifoni
la caldaia non scalda i termosifoni

Alcuni consigli quando la caldaia non scalda i termosifoni.

Avete installato un defangatore? se è no allora una delle cause potrebbe essere una concentrazione di alghe  fangose che limitano il riempimento del radiatore di acqua scaldata dalla caldaia stessa.

Un’altro consiglio e il classico svutamento dell’aria nell’impianto di riscaldamento mediante la valvola di sfogo situata vicino alla valvola di chiusura del radiatore.

Abbiate sempre cura della vostra caldaia e del vostro impianto ne trarrete piu efficenza di rendimento,avrete una bolletta del gas meno salata.

Alcuni consigli su come controllare la caldaia:

  1. Controllare i bar della caldaia dal manometro deve oscillare tra 1,5/ 2 bar
  2. Far aprire l’acqua sanitaria da da un vostro famigliare e fare attenzione se la caldaia in accensione fa rumori insoliti.
  3. Controllare sul display se ci sono errori di fuzionamento caldaia.

Se avete bisogno di assistenza per la vostra caldaia a roma e provincia,contattaci siamo un assistenza principalmente per i marchi beretta,ariston,vaillant,cosmogas,savio ma possiamo riparare con pezzi originali quasi tutti i marchi.Operiamo nelle seguenti zone di roma,centro storico,eur,torrino,cassia,flaminio,aurelio,prenestino,casilino.

La caldaia non fa l’acqua calda? Le principali cause

La caldaia non fa l'acqua calda causa della mancanza di acqua calda caldaia senza acqua calda

Il problema dell’assenza di acqua calda in casa è uno dei problemi più diffusi per chi possiede una caldaia. Le cause di quest’assenza possono essere molteplici. La maggior parte delle volte si possono verificare casi di scarsa pressione di acqua oppure di un flusso abbondante di acqua fredda.

 La caldaia non fa l'acqua calda causa della mancanza di acqua calda caldaia senza acqua calda

Cosa fare se non esce acqua calda?

La prima cosa da fare prima di controllare la caldaia è quella di verificare lo stato di pulizia dei filtri di lavelli e docce.

Il mancato flusso dell’acqua calda può essere dato da un’impostazione errata della temperatura quindi per far si che la caldaia produca acqua calda basta regolare la temperatura desiderata.

Un guasto elettrico dovuto al cronotermostato che gestisce la temperatura della caldaia in base alla temperatura esterna ed interna può influenzare la produzione di acqua calda. Le incrostazioni di calcare sono tra i problemi principali del mancato arrivo dell’acqua calda.

Se le tubazioni sono ostruite dal calcare basta eseguire un lavaggio chimico e applicare un addolcitore per acqua. Si ha una produzione insufficiente o un flusso irregolare di acqua calda quando il funzionamento dello scambiatore è compromesso.

 La caldaia non fa l'acqua calda causa della mancanza di acqua calda caldaia senza acqua calda

La valvola a tre vie e la pressione scarsa

Se per caso l’acqua calda invece non dovesse arrivare ai rubinetti contemporaneamente con l’uso dei riscaldamenti la causa potrebbe essere la valvola a tre vie.

Quest’ultima se danneggiata o incrostata devia il flusso d’acqua erroneamente in modo che non arrivi correttamente a destinazione.

Per ultima ma non meno importante vi è la pressione dell’acqua. Quando non vi è abbastanza pressione all’interno della caldaia tutto il sistema non potrà funzionare correttamente e di conseguenza non si potrà garantire acqua calda.

A questo si può rimediare semplicemente intervenendo sul rubinetto di regolazione.

Abbiamo visto come alcune della cause che non fanno arrivare l’acqua calda possano essere scontate ed altre invece no.

Per evitare ciò bisogna effettuare controlli periodicamente e prestare sempre attenzione al funzionamento della propria caldaia in modo da non incorrere in questi problemi.

Caldaia bloccata? Ecco le principali cause

blocco caldaia cause blocco caldaia verifiche prima di chiamare tecnico malfunzionamento del riscaldamento

La caldaia è uno degli elementi chiave per il benessere casalingo, ma a volte può capitare che si blocchi.

La maggior parte delle volte questo blocco non è causato dalla caldaia stessa ma da fattori o eventi che non hanno nulla a che vedere con quest’ultima.

Vuoi conoscere le cause principali di questo blocco? Andiamole a scoprire insieme.

blocco caldaia cause blocco caldaia verifiche prima di chiamare tecnico malfunzionamento del riscaldamento

Cosa causa questo blocco?

Una delle cause principali della mancata erogazione di acqua calda sono i micro detriti che si accumulano dietro i filtri in corrispondenza degli erogatori; come conseguenza si verifica una riduzione del flusso dell’acqua che non permette alla caldaia di attivarsi.

Un altro fattore è l’interruzione del gas. Se quest’ultimo viene a mancare i motivi possono essere diversi ovvero che potrebbero esserci dei lavori in atto sulla linea gas oppure che la valvola del gas che alimenta la caldaia possa essere danneggiata.

In questi casi non è prudente intervenire da soli ma consultare un tecnico. Un danno al sistema elettrico e la mancanza di energia elettrica possono essere altri fattori di blocco della caldaia.

In questo caso il sistema che genera la scintilla e crea la fiamma pilota potrebbe essersi danneggiato.

blocco caldaia cause blocco caldaia verifiche prima di chiamare tecnico malfunzionamento del riscaldamento

Possiamo intervenire con il fai da te sulla nostra caldaia?

Si possono fare delle verifiche prima di chiamare qualsiasi tecnico. Verificare il manometro della caldaia che indica la pressione che non deve scendere sotto 1,5 bar altrimenti la caldaia si blocca.

Si può ripristinare la pressione adeguata intervenendo sul rubinetto di regolazione. Per far diminuire la pressione invece basta aprire lo sfiatatoio di un termosifone.

Un malfunzionamento del riscaldamento vi è anche quando si presenta dell’aria nei termosifoni, in questo caso basta aprire gli sfiatatoi di tutti i termosifoni per fare uscire tutta l’aria in eccesso.

Ultimo ma non meno importante controllare periodicamente il sistema di scarico dei fumi e se necessario pulirlo per evitare qualsiasi ostruzione.

Ci sono le caldaie di ultima generazione infine che attraverso il loro display possono visualizzare il codice di errore relativo al guasto per così permettere il giusto intervento da parte tua o di un tecnico.

Il blocco della caldaia dunque può derivare da vari fattori, e per la maggior parte di questi problemi abbiamo bisogno di un tecnico specializzato.

La caldaia non scalda i termosifoni cosa fare?

Cosa fare se i termosifoni non scaldano, termosifoni continuano ad essere freddi, controllare la pressione dell’acqua all’interno della caldaia, bilanciamento, 2 bar

I termosifoni sono uno strumento indispensabile duranti i mesi invernali o nelle giornate particolarmente fredde. Può succedere a volte che questi non funzionino correttamente e che rimangano freddi. Cosa fare dunque se la caldaia non scalda i termosifoni?

Cosa fare se i termosifoni non scaldano, termosifoni continuano ad essere freddi, controllare la pressione dell’acqua all’interno della caldaia, bilanciamento, 2 bar

Cosa fare se i termosifoni non scaldano?

Prima di tutto bisogna dare tempo all’acqua calda di entrare in circolo e dunque aspettare circa una mezz’ora. Bisogna accertarsi di aver inserito la giusta temperatura per il riscaldamento che deve essere posizionata sui 70°.

Se non dovessero ancora funzionare controlla la pressione dell’acqua della vostra caldaia. Se risulta inferiore ai 2 bar devi azionare il rubinetto di pressione dell’acqua.

Apri il rubinetto leggermente fino a visualizzare non più di 2 bar e chiudi bene la leva non appena raggiunta questa pressione. Se la pressione dovesse diventare eccessiva cercate il rubinetto di colore rosso che serve a scaricare la pressione dell’acqua.

In questo modo vedremo l’ago scendere piano piano fino al raggiungimento della pressione desiderata.

Cosa fare se i termosifoni non scaldano, termosifoni continuano ad essere freddi, controllare la pressione dell’acqua all’interno della caldaia, bilanciamento, 2 bar

I termosifoni non vogliono collaborare?

Se i termosifoni continuano ad essere freddi procurati dei contenitori e posizionandoli sotto gli sfiatatoi dei termosifoni e aprili. In questo modo farai uscire sia l’aria accumulatasi all’interno che l’acqua permettendo l’arrivo dell’acqua calda.

Durante questo procedimento bisogna controllare che la pressione dell’acqua all’interno della caldaia rimanga costante a 2 bar.

Se dopo tutta questa procedura i termosifoni continuano a non scaldarsi bisogna chiamare un tecnico specializzato e lui saprà come intervenire. Occorre controllare anche se il flusso dell’acqua sia bilanciato in tutti gli apparecchi poiché abbiamo diversi tubi di diverso diametro che portano acqua calda.

Il bilanciamento si effettua di solito attraverso i detentori, ossia dei rubinetti posti nella parte bassa dei termosifoni e coperti con un tappo che si avvita. Ma quest’operazione che risulta complessa deve essere effettuata da tecnici specializzati con attrezzature adeguate.

I termosifoni dunque sono strumenti che possono dare problemi causati da varie circostanze ma proprio per questo il fai da te non è sempre la mossa giusta.